Masainas è un piccolo centro del Sulcis. Una pianura di 22 chilometri quadrati nella quale vivono circa 1300 compaesani distribuiti nelle sue numerose frazioni i cui nomi richiamano quelli degli antichi proprietari di queste terre, ovvero i vecchi insediamenti Medaus. Il territorio è racchiuso tra le aree naturalistiche di Porto Botte e Porto Pino e le ultime propaggini dei Monti del Sulcis. Questi rilievi, ricoperti dalla folta macchia mediterranea, proteggono dolcemente il versante orientale del centro abitato, mentre ad ovest sono le spiagge del Golfo di Palmas ad abbracciare questo luogo. È qui che si trova la zona costiera del paese e la bellissima spiaggia di Is Solinas: una lunga lingua di sabbia che separa il mare cristallino dalla fitta pineta, esponendo le sue meravigliose dune.

La zona è una meta molto frequentata da chi desidera trascorrere un soggiorno in questa variegata e magica provincia. Grazie al clima mite, presente tutto l’anno, famiglie, sportivi e giovani coppie potranno trascorrere una vacanza alla scoperta dei tesori enogastronomici, delle attività sportive e culturali presenti in tutte le stagioni. Molto ambita e richiesta infatti anche grazie alla possibilità di praticare diversi sport all’aria aperta sia in acqua (kite surf, wind surf e sup), sia su tutto il territorio, con differenti percorsi per mountain bike, trekking e nordic walking.
Tra i suoi itinerari ambientali ed enogastronomici segnaliamo il “Percorso dei Vigneti”, “Percorso Medaus”, “Percorso Carciofo Spinoso”, “Percorso Masa-Mare” ed il “Sentiero Panoramico”, i quali vi sapranno stupire ogni anno in maniera differente da quello precedente.  Lasciatevi sedurre da questo incantevole paesino nella piana del Basso Sulcis a vocazione agro-pastorale, che vanta un’importante produzione di carciofo spinoso sardo e dei vigneti dai quali si ottiene l’ottimo e pregiato Carignano del Sulcis. Nel periodo primaverile ed estivo, numerose le feste religiose e le rassegne eno-gastronomiche. Tra le più importanti la sagra del carciofo, del raviolo, della pasta, del riccio e la festa patronale dedicata alla Madonna della Salute.

La vita nell’agro di Masainas ha origini molto antiche, risalenti al Neolitico, testimoniate anche dai rinvenimenti di ceramiche sparse nell’insediamento preistorico scoperto nella zona di Is Solinas. La frequentazione del territorio non fu di certo occasionale. Nell’area infatti esiste anche un’altra già conosciuta stazione prenuragica: “Campu de Pisanu”, coincidente con le frequentazioni di ambienti prossimi al mare da parte delle popolazioni del Neolitico. Tra le sue colline e verso il mare sono presenti ulteriori resti di insediamenti nuragici. Tra questi il più rilevante è il complesso di Is Fais, costituito da un mastio centrale e quattro torri perimetrali disposte a croce. All”interno del paese è anche possibile visitare la chiesa di San Giovanni Battista, attorno alla quale si sviluppò il primo nucleo del paese (il primo medau). I piccoli ovili, detti furriadroxius, caratterizzano poi il paesaggio rurale intorno, creando piccoli centri abitati in differenti aree del territorio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento